6 Ottobre 2015

Crescono i nuovi strumenti di finanziamento alle imprese: minibond e factoring

di admin

L’indebitamento bancario rimane lo strumento preferito per l’accesso al credito da parte delle piccole e medie imprese italiane ma cresce il ricorso a nuovi strumenti finanziari. Lo racconta un’accurata analisi di Affari e Finanza

Drechslerei Südtirol

L’accesso al credito rappresenta ancora un elemento chiave della crescita delle aziende italiane in uno scenario in cui le banche continuano a risentire della crisi e dimostrano grande prudenza nella concessione di fiducia. Tuttavia si fanno largo nuovi strumenti e nuove opportunità per le aziende.

Come racconta Luigi dell’Olio, in un’accurata analisi pubblicata su Repubblica – Affari & Finanza, strumenti finanziari innovativi come i minibond e il factoring sono in progressivo aumento non più solo nelle grandi aziende italiane, ma anche nelle realtà di piccole e medie dimensioni. 

Infatti, nonostante una recente analisi di Mediobanca segnali che il debito delle piccole e medie imprese del nostro Paese sia per la quasi totalità ancora in mano alle banche, cresce il ricorso a strumenti alternativi.

Infatti le obbligazioni quotate all’ExtraMot hanno superato il controvalore di 5 miliardi e quasi tutte le emissioni del 2015 sono state relative a un taglio inferiore a 50 milioni di euro, segno che ricorrono a questo strumento anche piccole aziende.

Anche il factoring è cresciuto del 2,81% nel 2014 rispetto all’anno precedente, raggiungendo un giro d’affari di 178 miliardi di euro.

Si tratta sicuramente di un inizio incoraggiante, ma la strada da percorrere è molta: i limiti organizzativi e culturali che le realtà più piccole devono superare sono ancora tanti, prima che questi strumenti finanziari vengano considerati un’alternativa consolidata al classico prestito bancario.

Qui l’articolo completo 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *